Garanzia definitiva codice appalti

Garanzia definitiva Codice Appalti: quando e come deve essere richiesta

La Garanzia definitiva Codice Appalti è una guarentigia assicurativa che deve essere costituta da tutti i vincitori di una gara d’appalto come strumento di fideiussione relativa all’adempimento delle prestazioni oggetto di contratto.

In virtù dell’Art. 113 D.Lgs. 163/2006, infatti, la cauzione definitiva è una garanzia obbligatoria che l’appaltatore mette in campo in sede di aggiudicazione di gara d’appalto, con lo scopo specifico di coprire il mancato o inesatto adempimento degli oneri previsti dal contratto registrato: sottoscrivendo tale fideiussione, l’azienda vincitrice sta di fatto garantendo di risarcire la Stazione Appaltante in caso di inadempienza degli accordi contrattuali.

La Garanzia definitiva Codice Appalti è oggetto di richiesta in alcuni casi specifici che tratteremo nel corso di questo articolo, assieme a tutte le indicazioni utili per procedere in modo corretto, tempestivo e soprattutto scevro da errori che possono bloccare i lavori o causare la revoca dell’affidamento.

Garanzia definitiva Codice Appalti: a cosa serve

Il fine principale dell’istituzione relativa alla Cauzione Definiva è sempre e in ogni caso la tutela della Stazione Appaltante. Tale garanzia fideiussoria deve essere attivata dall’impresa che ha vinto la gara d’appalto, in sostituzione della garanzia provvisoria precedentemente richiesta.

Come, infatti, abbiamo visto nell’articolo “Cauzione provvisoria appalti” questo strumento è previsto in virtù del Decreto Legislativo n.50/2016 che all’art 93 comma 1 stabilisce che l’impresa che partecipa ad una gara d’appalto pubblico deve presentare una garanzia provvisoria oltre alla normale documentazione prevista dal bando in oggetto. Essa è quantificabile nel 2% del prezzo base riferito all’asta della gara d’appalto. Il valore relativo alla cauzione provvisoria, inoltre, ha natura variabile dall’1% ad un massimo del 4%. Per presentare questo documento si potrà procedere in due direzioni:

  • versare l’intero importo a titolo di cauzione
  • garantire tale importo tramite fideiussione bancaria o assicurativa.

L’istituzione della Cauzione provvisoria appalti è prevista con fine di tutela per l’ente pubblico appaltante; attraverso, infatti, questo iter procedurale si dichiara la propria credibilità ad adempiere le prestazioni oggetto di contratto. Si garantisce, in altre parole, il fatto che l’impresa non si tirerà indietro al momento della vincita, impegnandosi non solo a stipulare il contratto ma anche a onorare l’impegno assolto tramite l’attivazione di una Garanzia definitiva Codice Appalti che, come abbiamo già detto, sostituisce automaticamente quella provvisoria.

L’art 193 del Codice dei contratti pubblici stabilisce che la cauzione definitiva ammonti al 10% dell’importo riferito nel contratto e verrà svincolata progressivamente in base all’avanzamento dei lavori fino all’80% dell’importo garantito ab origine. Il restante 20% resta “bloccato” fino all’emanazione del certificato di collaudo o nel termine di un anno dalla chiusura dei lavori.

In quali casi la garanzia definitiva Codice Appalti deve essere richiesta e in quali non

La Garanzia definitiva Codice Appalti presenta casi di richiesta obbligatoria, oltre a casi di esonero e derogabilità.

I casi di obbligatorietà sono riferibili a:

  • Procedure diverse da affidamento diretto;
  • Procedure di affidamento diretto superiori ai €40.000 (trattativa diretta – ODA – Ordine diretto di acquisto fuori Mepa);

I casi di esonero prevedono:

  • Operatori economici di comprovata solidità;
  • Necessità di acquisto di beni nel luogo di produzione o forniti da produttori e operatori specializzati;

I casi di derogabilità riguardano:

  • Contratti in cui l’importo sia inferiore ai €40.000 in affidamento diretto;
  • Appalti affidati ad operatori economici di comprovata solidità.
  • Per importi inferiori a €5.000 seppur per consuetudine.

Garanzia definitiva Codice Appalti: quando e come costituirla

Data l’importanza di questo documento, ti starai chiedendo sicuramente chiedendo quando va richiesto e quali siano le tempistiche di approvazione e accertamento. La Garanzia definitiva Codice Appalti, dev’essere richiesta contestualmente alla stipula del contratto o dell’ordine. In questo caso, infatti, si agisce subito per non avere problemi con il mancato rispetto delle date di consegna pattuite in sede di contratto o anche della merce stessa. È importante ricordare che la mancata costituzione della Garanzia definitiva è elemento di revoca dell’affidamento stesso anche se non è causa di inammissibilità della spesa in fase di controllo.

Si costituisce tramite un normale versamento in contanti, tramite assegno circolare, bonifico o utilizzando i titoli di Stato. Questi strumenti potrebbero essere relativamente difficoltosi da gestire nel tempo, ecco perché è preferibile utilizzare la garanzia fidejussoria sia bancaria che assicurativa. In questi casi si prospettano costi approssimativi del 12‰ del capitale assicurato.

I documenti necessari da fornire sono:

  • Lettera di aggiudicazione;
  • Il capitolato speciale o bando di appalto;
  • La disciplinare di gara;
  • Il cronoprogramma dei vari lavori;
  • Gli elaborati grafici progettuali;
  • L’elenco dei prezzi;
  • Il piano di sicurezza;
  • I dati del subappaltatore o la copia del subappalto.

Garanzia definitiva Codice Appalti: quando si svincola

La Garanzia definitiva Codice Appalti è svincolata o smette di avere valore legale dal giorno dell’emissione del certificato di collaudo provvisorio o certificato di regolare esecuzione. Ad ogni modo, oltre i 12 mesi dalla data di ultimazione dei lavori, come risultante dai certificati da fornire al fideiussore per cessare l’impegno relativo ai supplementi di premio da pagare previsti dalla polizza stipulata. Nel caso in cui l’appalto tratti l’erogazione di servizi o forniture, lo svincolo si basa sulla consegna del certificato di verifica di conformità o attestazione di regolare esecuzione della prestazione in oggetto di contratto.

Questi documenti, firmati e autenticati sia dal direttore dei lavori che dalla stazione appaltante tramite un suo rappresentante e dal responsabile del procedimento, potranno essere consegnati per ottenere lo svincolo. Tutto può essere svolto tramite lettera raccomandata liberatoria.

Garanzia definitiva Codice Appalti: affidati a dei professionisti

Per ottenere una Garanzia definitiva Codice Appalti, spesso si rischia di commettere errori procedurali che bloccano lavori con conseguenti rischi per la propria attività. Affidarsi ad una società di brokeraggio assicurativo come Lettera Insurance Broker Srl che vanta oggi oltre 20 anni di esperienza nel settore, può essere la soluzione più veloce e sicura. Forte, infatti, di un’esperienza pluriennale, siamo in grado di offrire con tempestività la soluzione più adeguata alle tue esigenze.

Contattaci

È SEMPLICE E VELOCE!

Contatta i nostri consulenti per avere un’analisi personalizzata e gratuita della tua situazione assicurativa.
Ti aiuteremo ad individuare la copertura assicurativa più adatta ai tuoi bisogni!